mercoledì 13 febbraio 2008

Un Maniglia per Bologna


Chi di voi ha una pur modesta frequentazione di Bologna non può non conoscere il suo personaggio simbolo: Beppe Maniglia.
Rocker da esposizione, si esibisce con la sua chitarra elettrica in Piazza Maggiore o in Piazza del Nettuno, vestito solamente di pantaloni e gilè di pelle pure con -6 gradi, alternando canzoni "scritte da me" come Knockin on Heaven's door o A whiter shade of pale a esibizioni di capacità polmonare facendo esplodere borse dell'acqua calda soffiandoci dentro.
Un mese fa questo personaggio, che come si capisce ha la credibilità di un pesce rosso, annuncia la sua intenzione di candidarsi a sindaco di Bologna. Il suo programma? Ve lo svela Il resto del carlino in una intervista. Andatela a leggere, vale veramente la pena. Solo un paio di perle:

- Come fare con i lavavetri?
- Tolgo i semafori e non ci saranno più.

Oppure:

- [Porterò] il mare in piazza Maggiore, ne parleranno nel mondo. Il crescentone {parte centrale della Piazza, costituita da una pavimentazione rialzata (NdSpino)} sarà un’enorme piscina con le onde e l’acqua di mare, le strade intorno [saranno] ricoperte di sabbia, con ombrelloni e cabine.

Che aspettate? Correte a votare.

3 commenti:

Gennaro ha detto...

MA perche' i "veri" politici sono poi cosi' "diversi" da lui???
Ne raccontano anche loro di ........
Interessante blog complimenti lo leggo sempre Un saluto dalla Puglia, Ciao da Gennaro

Spinoza ha detto...

Grazie della stima Gennaro. Sì forse hai ragione, i veri politici non sono tanto diversi da Maniglia, però di rimpiazzare Piazza del Campidoglio con una mega piscina-acquafan Napolitano non l'ha mai detto :)

simostruzzo ha detto...

Sei solo invidioso perchè non l'hai avuta tu l'idea...
E piglierà dei voti... Ehhhhhh, se li piglierà.