venerdì 15 maggio 2009

Star Trek non è Star Trek


Nell'annosa diatriba bambinesca su "chi è meglio tra Guerre Stellari e Star Trek" scelgo senza ombre di dubbio il secondo. Guerre Stellari e Star Trek rappresentano gli antipodi della visione della fantascienza: l'impianto di Guerre Stellari è di tipo semi-ottocentesco, conservatore, debitore del fantapulp che ha suo modello Jack Williamson - se siete appassionati La legione dello spazio (1934) è un opera seminale. In Guerre Stellari non ci sono mezze misure: c'è il lato Buono e il lato Oscuro della forza, in una divisione manichea che andava certamente bene negli anni '30 a Williamson e alle sue cattivissime Meduse, ma non certo nel 1977.
Star Trek al contrario è la visione progressista, "umanista" nel senso più ampio del termine, in cui le diatribe si risolvono con la diplomazia e non con le Morti Nere: perfino gli alieni più cattivi - i Klingon, per esempio - non sono poi così cattivi; o i Cardassiani, spie e torturatori ma al tempo stesso artisti incomparabili in tutta la Galassia.

Questo cappello solo per dire perché mi piace Star Trek. In quarant'anni, cinque serie e dieci film gli scrittori sono riusciti a creare un Universo complessissimo, "realistico" se mi passate il termine, e anche se talvolta le singole puntate non sono all'altezza, l'insieme che ne esce è maestoso.

Bene: l'ultimo film di Star Trek, diretto da JJ "Lost" Abrams, cancella con un colpo di spugna tutto questo. La serie classica, Next Generation, Deep Space 9, Voyager, Enterprise... non sono mai esistiti.

Da qui in poi svelerò parecchie cose, quindi SPOILERS AHEAD!

Un mariuolo romulano viaggia indietro nel tempo per cambiare la Storia e salvare Romulus dalla distruzione, e al contempo punire il vulcaniano Spock per non aver salvato il pianeta. Per la sua vendetta non trova niente di meglio che distruggere il pianeta di Spock, Vulcano. Prepara un'arma divora-pianeti (Morte Nera, anyone?) e la punta su Vulcano.
A questo punto, al cinema, sospettavo ci fosse qualcosa che non andava: nella cronologia di ST non ci sono questi eventi, ma ho comunque concesso il beneficio del dubbio. Pure quando l'Enterprise tenta di evacuare i genitori di Spock dal pianeta ma non riesce a teletrasportare la madre, ho pensato "ma nelle serie successive compare diverse volte, non può essere morta, ricomparirà più tardi in qualche modo". Quando poi, però, il pianeta Vulcano scompare diventando un buco nero, e Spock devastato pensa alle 6 miliardi di vite perdute, allora ho pensato "c'è davvero qualcosa che non va".

FINE SPOILERS

Hanno creato un'altra cosa. Se andate al cinema convinti di vedere Star Trek, questo non è Star Trek. È qualcosa di differente, i personaggi hanno gli stessi nomi, le astronavi sono simili, ma è tutto qui.
Mi chiedo come mai non esistano scrittori capaci di creare qualcosa all'interno di canoni definiti. Voglio dire, qua non si tratta dei piagnistei da trekker del tipo "nella puntata 412 si dice che l'infermeria è in fondo alla nave, qua invece è in cima" (ci sono anche erroracci del genere, non preoccupatevi: la presenza di Chekov, che nella serie classica compare solo nella seconda stagione e che, secondo canone, avrebbe solo 13 anni all'epoca di questo film; l'Enterprise in costruzione in Iowa invece che a San Francisco; orioniane nella Flotta Stellare): qua si parla di aver distrutto tutto.

Star Trek è morto, viva Star Trek.

16 commenti:

Pea ha detto...

ti capisco, io non sono una'appassionata di fantascienza, ma trovo che se uno vuole inserirsi in un certo contesto (peraltro conosciutissimo) deve almeno sapere come muoversi...se no ti crei il tuo di universo!

(è come se decidessero di fare un film sulla storia di Lupin -uno a caso visto che è partita la sua colonna sonora- e parlassero di suo padre quando tutti sanno che lui ha sempre raccontato delle gesta di suo nonno....) (non si capisce che invece della fantascienza seguo manga-anime eh?)

Vonetzel ha detto...

Ebbene si...
Ammetto la mia ignoranza:il genere fantascienza non mi ha mai particolarmente appassionato.
Conseguentemente non ho mai visto Star Trek e penso di essere stato uno dei pochi in Italia a non aver mai visto un solo episodio di Guerre Stellari.
Confesso inoltre,rischiando di essere esiliato da questo blog,di non aver mai visto il film E T.
Ciònonostante,le mie simpatie da profano sono sempre andate a Star Trek:mi ha sempre dato l'impressione di essere più introspettivo e che i suoi personaggi avessero personalità complesse.
Guerre Stellari è la solita americanata in cui c'è il bene e il male,c'è il bianco e il nero...il colore dominante (il grigio) non è contemplato.
Mi congedo raccontando un aneddoto personale:quando uscì il film Balle Spaziali,lo andai a vedere perchè grande estimatore di Mel Brooks...mi fece ridere,ma non capivo molte cose.
Chiesi allora delucidazioni ad un mio amico appassionato del genere.
Quando mi raccontò la storia e i dettagli,non capivo più qual'era la parodia...
Non c'erano grandi pericoli che andassi a vedere quest'ultimo film di Star Trek...tuttavia il consiglio di un esperto è sempre da tenere nella debita considerazione.
Ciao.

GregHouse ha detto...

A me Star Trek annoia da morire.
Va bene, ho visto soltanto qualche puntata qua e là, mai niente di sistematico, però anche loro con 6 serie televisive, ognuna con un numero imprecisato di stagioni, e 11 film ti fanno passare la voglia.

Se comincio ora mi rimetto in pari per la prossima glaciazione!

Spinoza ha detto...

@pea: hai colto il punto!

@vonetzel: ET non mi è mai piaciuto, neanche quando ero un bambino.

@greg: basta cominciare :)

Pea ha detto...

(vonetzel non sei solo...nemmeno io ho mai visto E.T., ma ssshhhhh, non dirlo a nessuno!)

Jack ha detto...

2 cose:
1) (contro il film) in Star Trek TUTTE le astronavi normalmente sono costruite in orbita, a partire dalla NX-01...

2) (pro film, piu' o meno) Da quello che si evince in pratica quello narrato dal film e' un universo parallelo, diverso dal classico Star Trek, in questo universo Kirk non ha mai conosciuto il padre, mentre in quello classico, da dove viene Spock vecchio, si. Ci sono parecchie incongruenze dovute al ritorno nel passato di Nero e Spock.
Si puo' forse dire che l'universo di Star Trek conosciuto e' finito quando la nave di Nero e' stata trasportata nel passato.
La cosa cmq si complica perche' ora Spock sa' che nel futuro ad un certo punto una stella esplode, distruggendo Romulus, facendo impazzire Nero, che torna nel passato, distrugge Vulcano, ecc.

Spinoza ha detto...

@Jack:

1- no. La Enterprise 1701 viene costruita ai cantieri navali di San Francisco, nella serie viene detto diverse volte; anche la Enterprise D viene costruita ai cantieri di Utopia Planitia, su Marte, solo successivamente sono portate in orbita.

2- è proprio quello che odio di questo film. Star Trek non è solo un personaggio che si chiama Kirk; è Vulcano, è Amanda Grayson, è TNG, è la guerra del Dominio... tutto questo semplicemente non c'è più, quindi questo film NON è Star Trek.

dark0 ha detto...

il film è piaciuto, ma ammetto anche la mia ignoranza più totale su star trek, comunque a miei amici appasionati delle saga è piaciuto molto

Spinoza ha detto...

@dark0: non me ne capacito, davvero. Non capisco come un appassionato di ST possa digerire questo stupro.

Pea ha detto...

(in ogni caso la foto è geniale!)

dark0 ha detto...

@Spinoza
sentito con le mie orecchie, il mio amico di star trek ha seguito tutto,e confermo gli è piaciuto molto

Spinoza ha detto...

@ dark: ci credo, figurati. È semplicemente che non me ne capacito. Dev'essere lo stesso meccanismo che spinge a guardare con insistenza un incidente stradale...

alianorah ha detto...

Non ho visto il film. Non vedo nemmeno Star Trek, ma mi piace Sylar/Spock. Questo commento è del tutto inutile, ma dovevo ribadire il concetto che mi piace.

Federica ha detto...

nooo... lo volevo andare a vedere! a me di star trek piace la capacita' di raccontare storie e di diventare epico (nel senso di narrazione di gesta) anche se la realizzazione e' chiaramente peciona (o quantomeno molto limitata). Mi spiego, albe e tramonti da studios, pietroni che traballano se urtati col piede, tutine spaziali che manco all'Oviesse.. negli States girando tra le miriadi di canali stai sicuro che ogni giorno trovi almeno un episodio. Ne ho visti del 1964! Grandioso!

Spinoza ha detto...

Cara Federica, considerando che Star Trek è iniziato nel 1966 dubito fortemente che tu abbia visto un episodio del 1964...

Anonimo ha detto...

è semplicemente vero.... stra trek 11 non è star trak!
casomai è la prosecuzione di batman
40 anni di storia trek rovinati per sempre da un regista che afferma pubblicamente di fregarsene dei fan.
addio trek!