venerdì 4 aprile 2008

Epifanie a ripetizione


  1. Come un fulmine dal cielo (Contact, Robert Zemeckis, 1997) mi è appena venuto in mente che ho dimenticato il pranzo a casa (notare l'ora please);
  2. "Vabè, poco male, mi vado a comprare un panino", mi dico. Come un fulmine dal cielo (Zemeckis, op. cit.) mi rendo conto di aver speso i miei ultimi denari ieri alla Coop;
  3. "Vabè, poco male, torno a casa in bici e vado a prendere il pranzo", mi dico. Come un fulmine dal cielo (Zemeckis, per questa pubblicità il numero del mio conto corrente te lo mando poi) mi rendo conto che, proprio stamattina, l'unico freno funzionante della mia bici ha esalato l'ultimo respiro.
Delle due l'una: o "digiuno e meditazione" (Cesco Pace, private communication), o piano di sfruttamento delle altrui odiate monete da 1 e 2 cents.

2 commenti:

Jack ha detto...

puoi anche:
- andare a scrocco
- sabotare la macchinetta delle merendine

Spinoza ha detto...

Alla fine ho fatto la cosa più triste di questo mondo: ho trovato un bancomat :(