martedì 5 gennaio 2010

Roger è pessimista


La vedo tutti i giorni tornando dal lavoro, da 3 anni ormai, sulla colonna di un cancello vicino, e ogni giorno sorrido e ci penso. Invece delle solite "W la figa" o "ACAB" o "Paride ♥ Elena", c'è questo, vagamente surreale, "Roger è pessimista".

Mi chiedo spesso per quale motivo qualcuno abbia sentito il bisogno di far sapere al mondo che Roger è pessimista. Chi è Roger, poi? Un soprannome, magari, visto che a Bologna di Roger non ce ne saranno poi tantissimi. Potrebbe essere chiunque. E perché è pessimista? Cosa gli è successo, a Roger, per esser diventato pessimista? Un amore finito male? Un brutto voto a scuola, o all'università? Tragedie peggiori?

Non so perché mi piace, questa frase, forse perché è talmente "normale" da essere inusuale, o magari è viceversa. Ha talmente tanti possibili significati che non me ne viene in mente neanche uno.

6 commenti:

robydick ha detto...

un curioso caso di muro-blog :-)

dark0 ha detto...

io direi un muro del pianto più che altro :/

Minu ha detto...

io aggiungerei... ANCHE NOI!

Gennaro ha detto...

Sara' forse Roger Waters dei Pink Floyd??

Vonetzel ha detto...

Anche a me capita di prestare attenzione alle varie scritte che leggo sui muri,sulle panchine...talvolta le fotografo e le posto nel blog perchè particolarmente esilaranti o demenziali...
La scritta "Roger è pessimista" è bellissima perchè totalmente criptica ed estemporanea...

Claudia ha detto...

In effetti, intriga come messaggio :)