martedì 7 ottobre 2008

Premi Nobel indiscussi?


Tempo di premi Nobel in quel di Stoccolma.

Che ormai sono più o meno come i premi Oscar: tutti giù a criticare.
"Ma chi cazzo è Marisa Tomei? E Hilary Swank, che ne ha vinti due? Manco fosse Katharine Hepburn..."

Fatto sta che sono stati resi noti i vincitori del Premio Nobel 2008 per la Fisica, che risultano essere tre giapponesi Nambu, Kobayashi e Maskawa, per
la scoperta del meccanismo della rottura spontanea della simmetria nella fisica subatomica e per la scoperta dell'origine della rottura della simmetria che predice l'esistenza di almeno tre famiglie di quark in natura

Nell'anno di LHC, era più che normale che vincessero dei fisici delle particelle. Niente di strano.

Ma c'è un però.

Il Corriere ci avverte della delusione profonda della comunità dei particellari italiana, che non si capacita dell'esclusione dell'italiano Nicola Cabibbo. E stavolta, nonostante nella stampa straniera (El Pais, Le Figaro, Der Spiegel, New York Times) non ci sia traccia della polemica, non sembra davvero un piagnisteo della piccola Italietta che conosciamo.

In pratica, secondo le parole di Petronzio (direttore dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), e di Parisi (docente di Fisica Teorica a "La Sapienza"), il lavoro di Kobayashi e Maskawa non sarebbe altro che una banale generalizzazione di un lavoro pionieristico di Cabibbo.

Devo ammettere che so pochissimo di fisica delle particelle. Diedi un esame almeno 8 anni fa - in cui presi 30, peraltro - ma era davvero solo un'introduzione alla materia e da allora mi è rimasto pochissimo. Non mi ci provo neanche lontanamente a leggere i lavori originali perché farei la fine di quello che si compra la parabola satellitare "per imparare le lingue" e poi finisce a usarla per vedere la partita su Sky.

Mi fido, per una volta, di quel che dice il Corrierone. E sinceramente, mi dispiace davvero. Nonostante la cronica mancanza di fondi, l'Università attaccata da tutte le parti, la struttura "baronale" della ricerca, i ricercatori italiani sono bravissimi. Ma pare che vengano presi in considerazione solo se espatriano.

E pensare che pure nel Premio Nobel per la Medicina c'è una bella polemicona annessa: chi ha scoperto il virus HIV, Robert Gallo oppure Luc Montagnier?
Boh. Io intanto aspetto con ansia che lo diano, purtroppo postumo, per la scoperta del virus SARS al mio concittadino Carlo Urbani, uno, per dire di che pasta era fatto, che nel 1999 fu delegato a ritirare il Premio Nobel per la Pace per conto di Medici Senza Frontiere. Uno che, di queste polemiche, non avrebbe davvero saputo che farsene.

6 commenti:

astromat ha detto...

Da sottolineare la classe dell'interessato che non ha commentato l'accaduto. Di questi tempi, notevole.

Spinoza ha detto...

Bè dai... se avesse commentato avrebbe fatto davvero una brutta figura...

Pea ha detto...

masochismo innanzitutto, ecco come faccio....


è davvero un peccato che per una volta che meritiamo qualcosa non ci venga riconosciuta...

Spinoza ha detto...

@pea: già è vero. Siamo quasi sempre pizza mafia e mandolino, ma ogni tanto siamo anche scienza... solo che qualcuno pare non accorgersene.

serena ha detto...

Concordo sul Nobel a Carlo Urbani, grande persona.

Peppe ha detto...

Il silenzio parla da sè: ritiengo che il non aver commentato l'accaduto da parte dell'interessato sia stato come ha precedentemente detto astromat un segno di nobiltà interiore.