venerdì 9 ottobre 2009

Il Barackone dei Nobel


Ok sono pronto a sentire le vostre. Perché sono proprio curioso, sapete. Per quanto ci pensi, non riesco a trovare un motivo per cui abbiano dato il premio Nobel a Obama. Cosa ha fatto in meno di un anno?

A quel punto era quasi meglio darlo a Berlusconi: almeno è più tempo che parla a vanvera.

14 commenti:

beffatotale ha detto...

Tipo questa cosa qua: http://www.youtube.com/watch?v=6BlqLwCKkeY&feature=player_embedded

Ma il motivo vero e' questo:

http://mattiacarzaniga.files.wordpress.com/2009/10/malia_obama.jpg?w=207&h=300

Spinoza ha detto...

Sì vabbé, se bastassero due parole a un convegno allora qualsiasi papa ne avrebbe vinti decine...

beffatotale ha detto...

oddio, dipende che discorso, questo in un'ora ha cambiato tutta la politica internazionale... senza contare che la sua elezione a presidente è il culmine di una storia plurisecolare di discriminazione e sfruttamento che certo non si chiude con un evento simbolico della sua elezione ma che nell’evento simbolico trova dignità....

Der Pilger ha detto...

ah ok, quindi il nobel avrebbero dovuto darlo agli elettori americani.
Praticamente questi campioni dei diritti umani fanno guerre in tutto il mondo ma siccome dopo bush avrebbero eletto volentieri anche un otaria allora gli diamo il premio, perche' in mancanza di meglio hanno votato per il cioccolatino.

il prossimo anno voglio il nobel per la fisica, una volta ho fatto un discorso a favore della legge di gravita'.

Spinoza ha detto...

@beffa: ha cambiato la politica internazionale? Dove, quando? Non mi sono accorto di niente.

@DerPilger: bellissima la tua!

marco46 ha detto...

l'alternativa era non darlo a nessuno: ce n'è pochi, davvero pochi, che siano veramente interessati alla pace...
quanto a Silvio, bisognerebbe istituire il Nobel per le cazzate: NON CI SAREBBE GARA

Marco ha detto...

porca eva non puoi essere più caffeinomane di me. io in una mattina mi faccio tre moke da tre e una tazza di caffè americano SEMPRe.

Spinoza ha detto...

Quello non è essere caffeinomani. È essere pazzi.

E il caffè americano non conta come caffè, è scolatura di piatti.

Felipegonzales ha detto...

Be', non invitare il Dalai Lama mi sembra una gran vigliaccata, nonostante i rapporti con la Cina.

Marco ha detto...

There is no life WITHOUT coffee

Belphagor ha detto...

Se son d accordo con te! Le motivazioni quali sono: è presidente americano ED è nero??

AmosGitai ha detto...

Un premio alle buone intenzioni?

LaRiflessiva ha detto...

Non sapevano che pesci pigliare e hanno tirato a sorte?

Stefano Gallagher ha detto...

Ammetto che me lo sono chiesto anch'io... Brav'uomo eh, però magari è ancora un po' presto!